L'evoluzione del mobile antico: il mobile moderno

Il modernariato

arte moderna, mobili moderni





info[at]antiquariatoemobiliantichi.com

Google+


Esempio di mobile antico





L'evoluzione del mobile antico e la nascita del mobile moderno

mobile moderno, mobili moderni, storia del mobile moderno, arredamento moderno, modernariato



Mobili moderni


Molti architetti contemporanei hanno disegnato mobili moderni: Frank Lloyd Wright, Charles e Henry Greene, Eeero Saarinen e Charles Eames negli Stati Uniti, spesso, per arredare gli edifici da loro progettati, disegnavano mobili che potevano poi essere prodotti industrialmente, come la sedia a piedistallo in plastica stampata, e la cosiddetta sedi di Eames in legno compensato e pelle.

Il design di Eames e Saarinen ebbe molto successo per la tendenza verso modelli semplici e funzionali, leggeri di peso, unita a un recupero del design scandinavo e ad una crescente influenza orientale. Nuovi materiali sintetici vengono ora utilizzati nella produzione, tuttavia l'orientamento stabilito nel 1925 non ha subito variazioni sostanziali.

Prevale la linearità, e l'ormolu, l'intaglio, la pittura, l'intarsio e le decorazioni in genere sono più usati. CiĆ² è in parte dovuto a un cambiamento nel gusto e nei processi di lavorazione. Fra l'altro gli artigiani non sono oggi più in grado di usare le vecchie tecniche.

Mentre il mondo diventa più complesso, i mobili sono diventati stilisticamente più semplici.

Lavorazione dei mobili moderni

La produzione dei mobili rimase artigianale fino agli inizi del secolo XIX, quando si diffusero le macchine utensili ad acqua e a vapore.

Le seghe meccaniche potevano tagliare e dare forma velocemente e in quantità elevate; grandi presse a vapore resero possibile la stampa di motivi decorativi su legno, al posto del laborioso intaglio a mano.

I nuovi mezzi ridussero il ruolo dell'artigianato: mentre un falegname doveva in passato seguire un lungo apprendistato e imparare a realizzare interamente un mobili, a partire dal progetto, l'esecutore diventava ora responsabile di un solo passaggio della produzione a catena, per esempio della tornitura delle gambe o dell'incollatura delle giunture dei cassetti.

Mobili moderni e l'arte contemporanea


Il modernariato
Il capitolo riguardante la storia moderna dei mobili ha i suoi fecondi inizi con l'attività delle Arts and Crafts per la rivalutazione del manufatto artigianale e per i suoi sviluppi sia nelle manifestazioni dell'Art Nouveau, sia nelle successive affermazioni del razionalismo, fino ai grandi contributi apportati dalla scuola di arte e mestieri del Bauhaus.

Criteri, interpretazioni e risultati nettamente diversi da quelli del mondo occidentale assumono e assolvono i mobili nel mondo orientale per la diversa concezione e impostazione della vita.


Dal mobile antico al mobile moderno

Nell'oriente islamico, l'uso di mobilia domestica è stata fino al secolo XIX assai scarsa per il particolare genere di vita condotto nei Paesi musulmani.

Nelle moschee, invece, frequenti alcuni tipi di mobili (leggii per il Corano, casette e armadi per i testi sacri, sgabelli e pulpiti) in legno lavorato a motivi geometrici, spesso riccamente intarsiato di madreperla o argento.

Nei palazzi reali il mobile più sontuoso era rappresentato dal trono, d'importanza centro asiatica, delle dimensioni di un letto o di un sedile per molte persone, con spalliera riccamente decorata

Nel XX secolo la produzione di mobili moderni, ormai in serie, è divenuta materia del disegno industriale.

Nel corso del 800, infatti, si passa dalla produzione artigianale a quella meccanizzata dei mobili. Questo provoca uno scadimento qualitativo ed estetico delle arti applicate.

Contemporaneamente al sorgere di movimenti per il recupero della qualità artigianale, tra il 1907 e il 1917, in alcuni paesi europei imprenditori ed intellettuali fondano il Deutscher Werkbund, per salvaguardare la qualità della produzione industriale del mobile.

Ma è soprattutto grazie agli artisti del Bauhaus che si cerca di colmare il distacco formatosi tra arte e artigianato.

Nel secondo dopoguerra, il disegno industriale è venuto sempre più assumendo le caratteristiche di mezzo d'incentivazione della società al consumo.

Attualmente le esperienze più serie riguardano la sperimentazione di nuovi materiali per servizi e arredi d'uso collettivo (mobile moderno).





Caputo Antiquariato | Mobile moderno | Documentazioni e informazioni sulla storia, sugli stili e sull'evoluzione dei mobili moderni | Sitemap